Stampa

Da Olbicella a Badia di Tiglieto

Scritto da Paolo Benazzo. Postato in La Badia di Tiglieto

Arrivare alla Badia di Tiglieto da Olbicella è molto facile, anche se in condizioni pessime esiste una carrozzabile che collega le due località. Io però voglio proporvi un percorso escursionistico, che tra l'altro vi permetterà di vedere tutta la piana della Badia da una prospettiva meno consueta.

L'itinerario non ha un suo segnavia (solo alcune porzioni fanno parte di percorsi segnati) e alterna tratti su strade carrozzabili ad altri nei quali esistono solo vaghe tracce di sentiero o al limite neanche quelle.

percorso

Dopo Olbicella si prosegue sulla SP207 per Tiglieto fino al ponte sul torrente Olbicella (che qui chiamano rio Orbarina) dove lasciamo l'auto.
Prendiamo la sterrata sulla sinistra e seguendo il percorso segnalato come "555 - SERRA - PIAN DEL FO' - RIO ARZELLA" raggiungiamo le case Pian del Fuoco (Pian del Foco o pian del Fo').

Tralascio la descrizione di questa prima parte del percorso che, oltre ad essere ben segnalato, è del tutto evidente, mi limito a postare alcune foto:

Raggiunte le due case di Pian del Foco, lasciamo il percorso 555 e prendiamo una strada carrareccia che attraversa un ruscello (rio ... ???), lo risale brevemente sulla sponda sinistra e quindi lo riattraversa per poi salire sulle pendici ovest del Bric della Bandita.

Come si può notare nella piantina qui sopra c'è un certo scostamento tra la traccia segnata dal GPS e il sentiero sulla mappa, però le due tracce sono quasi perfettamente parallele.

La strada prosegue in salita nella faggeta (è piuttosto larga, anche se poco battuta e senza nessun segnavia) finché arriva ad un punto dove un albero abbattuto è posto di traverso (vedi la freccia blu nella mappa qui sotto). Da qui in avanti la carrareccia diventa un sentiero non sempre facile da individuare che raggiunge il crinale spartiaque tra le valli dell'Orba e dell'Olbicella.

Davanti a noi in basso appare ora la piana della Badia.

Siamo alla parte centrale dell'itinerario che si svolge a mezza costa lungo le pendici est del Bric del Cucco e poi a Nord-Est del Monte Laione, seguendo un sentiero che porta ad Acquabona. Anche in questo caso non è facile individuare l'inzio del sentiero, però con il GPS non dovreste avere troppe difficoltà.
Come già si diceva si tratta di sentieri poco frequentati e di conseguenza non tenuti in condizioni ottimali.

Il sentiero, come già detto, prosegue in direzione est fino a raggiungere la strada provinciale 41 nei pressi della frazione di Acquabona...

... ma noi preferiamo tagliare giù per il bosco per raggiungere direttamente la Badia di Tiglieto

Discesi però a quota 500 metri abbiamo la gradita sorpresa di trovare una ampia e comoda strada, non asfaltata ma carrozzabile, che non mi risulta segnata in nessuna mappa (probabilmente è di recente costruzione). La seguiamo in direzione Est-NE e in breve raggiungiamo la località Scura Inferiore dove incontriamo il tracciato dell'Anello di Badia che seguiamo a sua volta per raggiungere l'abbazia.

Dall'abbazia proseguiamo lungo la carrozzabile per Olbicella e ritorniamo al punto di partenza chiudendo l'anello.

(FINE DELLA PRIMA PARTE)